ISOLA’

 

NOVE SECOLI DI FREQUENTAZIONE UMANA


L’alpe Isolà (Asolata) compare per la prima volta in un documento del 4 luglio 1185, con il quale i signori de Montegrando (di Mongrando) la concedono in affitto agli abitanti di Mosso, Mortigliengo e Veglio, rappresentati dai propri consoli.

È possibile che la prima scoperta dei giacimenti minerari di Costa l’Argentera e Torrette sia avvenuta proprio a opera di pastori che accompagnavano la transumanza del bestiame. L’abbassamento del limite superiore della foresta, che è normale conseguenza dell’attività pascoliva, può infatti avere contribuito a mettere in evidenza i limitati affioramenti superficiali dei giacimenti, sui quali si sono sviluppati i primi lavori estrattivi.

Il 20 maggio 1230 i signori de Bulgaro(di Borgo Vercelli) e de Saluzola(di Salussola) cedono al comune di Vercellii diritti minerari che detengono nella zona, mantenendo però per sé i diritti di pascolo.

Il 22-23 ottobre successivo, il comune di Vercelli delibera di concedere in affitto le miniere metallifere del Vercellese e in particolare di Quara (Quadre), Montuccia (Montutio) e Isolà a una società di imprenditori rappresentata da Umberto de Patrico di Brescia, con la quale sottoscrive una convenzione di sfruttamento ventennale. Il comune si impegna a fornire carbone di legna, pascoli per i cavalli, acqua, terreno e legname per gli opifici che saranno costruiti.

Il 25 maggio 1349, il comune di Mosso, rappresentato dal sindaco e dal console, compila una dichiarazione di tutti i beni che ha in affitto dalla chiesa vescovile di Vercelli, tra i quali compaiono le alpi Artignaga (Artignaia), Montuccia e Isolà. Il prezzo annuo convenuto per le prime due è una libbra di cera, per la terza 18 Soldi pavesi.



Isolà superiore: recinto pastorale a pianta quadrangolare, scompartito in tre spazi di diverse ampiezze, talora erroneamente indicato come torre o piccola struttura fortificata.

Isolà inferiore: dardo in acciaio (XIV-inizio XVI secolo) per balestra portatile impiegata probabilmente per la caccia.